Insegnanti

I Nostri Insegnanti

Gli insegnanti di CILE sono una combinazione di professionalità e divertimento. Alle spalle ciascuno di loro ha una buona formazione accademica e anni di esperienza acquisiti nell’insegnamento della lingua spagnola. In più, usando metodi e strategie moderne, per loro la comunicazione con lo studente è al primo posto e ha la priorità su tutto.

Rafa

Profesor Rafa

Più di 20 anni di esperienza nell’insegnamento della lingua spagnola

Insegnare lo spagnolo per Rafa è come presentare un nuovo mondo a quelli che non solo vogliono imparare una lingua nuova ma anche la cultura e lo stile di vita di un paese straniero.

Rafa conferma che il suo lavoro è impegnativo ma i suoi studenti gli danno energia ogni giorno, motivandolo:

“Il mio lavoro non mi ha mai stancato e forse questo è dato dal fatto che non mi piace seguire la routine. Nel mio caso, insegnare è un lavoro dinamico e mi permette di incontrare molta gente di altri paesi, età e cultura. In un certo modo, non sto solo insegnando ma sto anche imparando dai miei studenti.”

Rafa aggiunge che durante la sua carriera professionale si sono presentate molte situazioni divertenti. Il più delle volte esse nascevano per uso scorretto delle parole da parte dei suoi studenti. Ancora ricorda qualche aneddoto: “Ensalada de abogados” ossia insalata di avvocati”. Gli studenti hanno confuso los aguacates (ita. avocado) con abogados (ita. avvocati), sostituendo le due parole. Episodi di questo tipo si ripetono frequentemente nel suo lavoro:

“È molto importante sapere con chi si sta lavorando per creare un percorso di studi personalizzato alle sue esigenze. In questo modo l’apprendimento della lingua è più rapido ed efficiente.”

Rafa


Pilar

pilar

Le lezioni di Pilar: altolà la noia!

Basandosi soprattutto sul metodo comunicativo, Pilar cerca sempre di insegnare ai suoi studenti gli aspetti più attrattivi della lingua e della cultura spagnola. Questo incoraggia tutti gli studenti a parlare lo spagnolo dal primo giorno:

“Mi piace sorprendere i miei studenti. Per esempio, se facciamo esercizi sulla grammatica o sul vocabolario, improvvisamente chiedo loro di chiudere i libri e utilizzare le conoscenze che hanno acquisito. Il basarsi solo sulle loro forze è un metodo di lavoro che risulta spontaneo.”

For Pilar working with people has always been very important, she says that the experience of working with her students is very enriching for her aswell. Pilar enjoys the cinema of Fernando León and poetry of Federico García Lorca. One of her favorite books is “La sombra del viento”:

I really enjoy spontaneity, and preparation for real life. It’s really important to learn in class, but what is more important for the students is what they can learn outside, because outside there are no books. The student should be able to use everything they know in practice.


Carolina

Profesora Carolina

La sua passione per l’insegnamento

Da quando può ricordarlo, Carolina ha sempre voluto essere un’insegnante. Ha cominciato la sua carriera professionale e, dopo 12 anni, questo è ancora il suo lavoro. Carolina ammette che è una vera e propria vocazione: devi essere nato per insegnare. Fare il docente dà anche l’opportunità di relazionarsi con le altre persone e aiutare gli altri ad imparare ciò che motiva lei stessa: la lingua spagnola. Questo le da molta soddisfazione:

“Per prima cosa provo sempre a capire che cosa interessa i miei ragazzi. Per me gli interessi degli studenti sono la cosa in cui il docente dovrebbe focalizzare maggiormente la sua attenzione. Credo fermamente anche che, nell’ottica dell’insegnamento delle lingue straniere, i migliori risultati nascano dalla passione e dalla motivazione”.

L’entusiasmo di Carolina è contagioso. Lei crede che il docente dovrebbe ricreare in classe un ambiente che rimanga il più vicino possibile a quello reale. Per questa ragione, al momento di preparare le lezioni, cerca sempre materiale di lavoro adatto a questo scopo: ciò che serve è che i ragazzi acquisiscano un vocabolario quotidiano. Nel suo tempo libero adora leggere, fare sport e partecipare attivamente alle attività culturali a Malaga. Il suo libro preferito è: “Juegos de la edad tardía” scritto da Luis Landero e le sue star cinematografiche preferite sono: José Luis Berlanga and Fernando Fernán Gómez:

“La cosa che apprezzo di più nella mia professione è l’opportunità di incontrare studenti da tutto il mondo e spronarli ad approfondire i loro interessi…..in un’altra lingua!”.

Profesora Carolina

Ana

Il congiuntivo non è così male come sembra

Ana insegna lo spagnolo da 15 anni. Dopo le sue lezioni si può stare sicuri che il congiuntivo non sarà più un mistero.

Ana sa cosa significa imparare le altre altre lingue e forse è per questo motivo che capisce anche le difficoltà che uno studente può incontrare nel processo di apprendimento. Per questo ce la mette tutta per aiutarli a superarle in maniera efficiente:

Mi piace imparare nuove lingue, soprattutto perché si imparano anche nuove culture. Credo che insegnare la mia lingua, lo spagnolo, sia come insegnare la cultura e le abitudini di vita del mio popolo  ”.

Il suo interesse include l’arte, il cinema e la letteratura. I suoi scrittori preferiti sono: Gabriel García Márquez y Mario Vargas Llosa

 


 

Silvia

La carriera universitaria di stampo filologico le ha permesso di venire a contatto con la lingua spagnola dei secoli precedenti. Da questi studi e dal confronto tra la lingua del passato e quella contemporanea è nata e si è consolidata la sua passione per la grammatica che in realtà già possedeva dalla scuola superiore. In particolare, il suo amore per questo aspetto della lingua l’ha spinta ad intraprendere la strada dell’insegnamento. Ed eccola qui, ad insegnare da 10 anni, di cui 3 nella scuola CILE: il suo sogno si è realizzato con successo! L’esperienza in CILE è stata particolarmente formativa per lei soprattutto per la collaborazione con i colleghi e gli studenti:

“Gli studenti contribuiscono ad incrementare la mia passione per questo lavoro. Hanno una molta voglia di imparare e complessivamente, durante tutti i miei anni di esperienza ho notato che il loro atteggiamento è partecipativo. Ce la mettono tutta per essere attivi durante la lezione. Ciò che ha di bello questo lavoro è il fatto che c’è uno scambio continuo tra studente e docente, ossia i miei alunni imparano lo spagnolo ed io in cambio imparo molto sulle altre culture e sulla loro lingua. Questa è la cosa più bella quando si insegna la lingua con cui ci si destregia molto bene a persone di un’altra nazionalità”.

D’accordo con le nozioni teoriche didattiche contemporanee, Silvia utilizza un metodo d’insegnamento comunicativo:

“Sono cosciente del fatto che il metodo di un insegnante seve adattarsi alle circostanze che per la maggiore sono le tempistiche degli studenti nel loro processo di apprendimento. Questo perchè so quanto può essere difficile inizialmente relazionarsi con un parlante madrelingua e quale sia lo sforzo richiesto a questi studenti. A volte si creano anche situazioni divertenti per fraintendimenti provocati dall’uso di parole scorrette; Le incomprensioni si riducono ad un fatto di vocabolario, a volte. Una volta presa familiarità con la lingua però, vedo che il miglioramento è netto negli studenti”.


Tamara

Seppure la sua carriera come insegnante sia cominciata da poco, si è rivelata piuttosto intensa in quanto Tamara ha insegnato lo spagnolo a studenti stranieri non solo in Spagna ma anche all’estero, dovuto alla sua passione per i viaggi.

Ciò che la motiva a fare del suo meglio sono gli studenti e la lingua stessa:

“Solo sul campo, mi sono resa conto che amo insegnare la mia lingua madre a studenti stranieri. Sono anche cosciente del fatto che essa rappresenti un’inestimabile risorsa e io stessa, essendo nativa, sento la necessità di sfruttarla nel miglior modo possibile. Inoltre gli studenti mi motivano con la loro voglia di imparare ed i loro sforzi di superare le difficoltà durante l’apprendimento”.

Riguardo al metodo, Tamara rivela che il suo segreto consiste nel trattare la lingua a 360º, ossia approfondire tutte le competenze della lingua spagnola senza tralasciare nessun aspetto:

“Mi piace insegnare in modo integrale la lingua. Voglio dire, mi piace considerarla come un insieme in cui le competenze sono collegate le une alle altre e non sono isolate e incompatibili. Inoltre, il metodo comunicativo lascia spazio agli studenti per esprimersi cosicché sia libero di perfezionare le sue competenze linguistiche, migliorandosi”.

Dal punto di vista culturale, Tamara aggiunge inoltre che, in quanto amante della lettura e del cinema spagnolo, le piace condividere e cercare di trasmettere la sua passione agli studenti. Inoltre il suo interesse per la lingua straniera viene dalla curiosità verso la cultura straniera che si rivolge al cinema.


Maria

Prenotare il Corso Standard